Orari farmacia:
da Lunedì a Venerdì
9.00 - 13.30 / 16.30-20.00
Sabato chiusi
Insufficienza venosa arti inferiori: cause, sintomi, terapie e prevenzione

Insufficienza venosa arti inferiori: cause, sintomi, terapie e prevenzione

La circolazione sanguigna sta alla base di ogni processo vitale, essa permette di trasportare numerose sostanze fondamentali per il nostro corpo.

Tuttavia non sono rari i casi in cui tale sistema sia in qualche modo compromesso, qui ti verranno mostrate le principali cause, i sintomi, i rimedi e i migliori metodi per prevenire l'insufficienza venosa agli arti inferiori.



Insufficienza venosa agli arti inferiori: quali sono le cause

La circolazione sanguigna all'interno del nostro corpo è organizzata secondo un complesso schema, la divisione più importante al suo interno è quella che interessa il sangue arterioso e quello venoso.

Mentre il primo trasporta sangue ''ricco d'ossigeno'' proveniente dal cuore, la seconda invece trasporta quello che ne è privo e che quindi è diretto verso il cuore affinché possa essere pompato verso la micro-circolazione.

É di fondamentale importanza che questo processo avvenga correttamente, altrimenti si potrebbe incorrere in rischi di varia entità, come nel caso dell'insufficienza venosa agli arti inferiori.

Questi meccanismi vengono agevolati dalla struttura del piede e del polpaccio.
Sono composte in maniera tale che durante il processo di deambulazione il sangue venga spinto verso l'alto, risalendo il corpo e potendo raggiungere il cuore senza troppa difficoltà.

Tutto ciò viene influenzato anche dalla struttura anatomica delle vene, caratterizzate da alcune valvole (anche dette ''valvole a nido di rondine'' per la loro forma) che si chiudono una volta che il sangue è entrato al loro interno, non permettendone la discesa.

In questo modo il processo di trasporto di sangue venoso avviene a senso unico.

Tuttavia, nel caso in cui non camminassi abbastanza, questo processo potrebbe subire drastici rallentamenti dando vita al l'insufficienza venosa agli arti inferiori.

Dunque è chiaro che un po' di sano movimento sia in grado di influenzare notevolmente il processo di circolazione sanguigna.



Sintomi dell'insufficienza venosa agli arti inferiori

Se il flusso sanguigno venoso è in qualche modo compromesso si manifestano alcuni sintomi, i più evidenti riguardano la pigmentazione della cute, ad esempio la presenza di macchie di colore biancastro o la presenza di vene varicose.
Tuttavia possono insorgere anche altri sintomi quali crampi e pesantezza articolare.

Questa patologia potrebbe tuttavia dare origine a fenomeni ben più gravi, tra questi una delle più temute è la trombosi.



Rimedi per l'insufficienza venosa agli arti inferiori

Tra le cure più utilizzate per guarire i casi di insufficienza venosa più acuta vi sono alcuni interventi, in genere si tratta di operazioni poco invasive.

Generalmente vengono prediletti gli interventi di elastocompressione quando si tratta di una patologia di carattere cronico. In questi casi, attraverso l'utilizzo di appositi bendaggi viene permesso il corretto funzionamento del sistema venoso.

In situazioni analoghe può essere utilizzata anche la scleroterapia, nonché l'iniezione di un farmaco che lentamente andrà ad occludere le vene secondarie reindirizzando il flusso sanguigno nel verso giusto.



Prevenzione dell'insufficienza venosa agli arti inferiori

Le operazioni chirurgiche possono spaventare numerose persone, se anche tu sei tra queste è di fondamentale importanza che sappia come evitare lo sviluppo di questa patologia.

Come anticipato precedentemente, questo disturbo si manifesta nel più dei casi a causa di una scarsa deambulazione, dovuta spesso a lavori sedentari e/o legati alle attività d'ufficio.

Il miglior metodo per evitare l'insorgere di questa patologia è quello di favorire l'apporto sanguigno attraverso la camminata, ad esempio prendendo una pausa di tanto in tanto per sgranchirsi un po' oppure attraverso delle attività aerobiche durante il tempo libero.

Scroll