Orari farmacia:
da Lunedì a Venerdì
9.00 - 13.30 / 16.00-19.30
Sabato chiusi
Influenza tradizionale sintomi e rimedi

Influenza tradizionale sintomi e rimedi

L'influenza tradizionale è una patologia virale respiratoria, da non confondere con il comune raffreddore. Interessa il 5-15% della popolazione mondiale, con impatti differenti di anno in anno. Ci sono inverni, infatti, in cui l'epidemia si manifesta in maniera aggressiva con complicanze piuttosto gravi e altri, invece, in cui passa del tutto inosservata. Per limitarne gli effetti bisogna conoscerla adeguatamente. Analizziamone i sintomi e i possibili rimedi.

Influenza tradizionale: di cosa si tratta

Pur condividendo alcuni sintomi, l'influenza tradizionale non va assolutamente confusa con il raffreddore. Causata dall'Orthomixovirus, del quale si conoscono solo tre ceppi (A, B e C) dura al massimo 7 giorni anche se lo stato di affaticamento può prolungarsi per due o tre settimane.

In genere, il più diffuso è il virus di tipo A responsabile di una sintomatologia più grave. Si modifica ogni anno per cui non è semplice immunizzarsi. Il tipo B è meno diffuso e si manifesta con sintomi più lievi. Il tipo C provoca un leggero malessere, simile al raffreddore, che scompare con qualche giorno di riposo.

Segnaliamo che tutti e tre i tipi di virus possono mutare, dando origine a nuovi ceppi. La trasmissione avviene non solo per contatto diretto, ovvero con lo scambio di una bibita o una stoviglia utilizzata da una persona infetta, ma anche per via aerea (tramite cioè goccioline sospese nell'aria ed emesse durante uno starnuto o un colpo di tosse). Ma non è tutto, perché ci si può infettare anche toccando semplicemente una superficie oppure un oggetto contaminato. Per questo motivo, è importante che rispetti le norme base d'igiene, lavando spesso le mani, coprendo bocca e naso con dei fazzolettini usa e getta da smaltire in modo opportuno.

Sintomi dell'influenza tradizionale

L'influenza tradizionale ha un periodo di incubazione molto breve. Si presenta in 3-6 ore dal contagio con sudorazione profusa, brividi di freddo e febbre alta. Potrebbero verificarsi anche dolori muscolari e ossei, inappetenza, starnuti, vomito, diarrea e insonnia.

La febbre indica che il nostro corpo sta tentando di reagire al virus, mentre la tosse è il mezzo attraverso cui l'organismo tenta di espellere l'ospite indesiderato, in modo tale che non raggiunga i polmoni e altri distretti.

Potresti avvertire anche un fastidioso mal di testa, debolezza fisica, spossatezza, che in genere scompaiono dopo 3-7 giorni dal contagio.

Rimedi contro l'influenza tradizionale in farmacia

L'influenza trova terreno fertile anche nei soggetti con un sistema immunitario debole, negli stressati e nei fumatori.

Per difenderti dal virus ricorda di seguire un'alimentazione varia prediligendo cibi ricchi di vitamina C. Evita dolci elaborati, insaccati, alcolici e bibite a base di caffeina e teina. Non limitarti nel consumo di frutta e verdura di stagione, bevi molta acqua e consuma pietanze insaporite con aglio (antibiotico naturale).

Previeni l'infezione con la fitoterapia affidandoti al potere dell'echinacea, dell'anice, del tiglio e del sambuco in grado di bloccare la replicazione del virus.

Sfrutta i vantaggi delle proprietà dell'olio essenziale di limone: bruciane 6 gocce nel diffusore e godi dell’effetto disinfettante; versane 4 gocce in 1 cucchiaio di olio di mandorle dolci e massaggia questa emulsione nel petto; aggiungine 8 gocce nell'acqua calda della vasca e respira i vapori mentre ti immergi nella vasca.

In caso di sintomi persistenti contatta il medico curante per valutare assieme la migliore terapia o rivolgiti al farmacista per l’assunzione di farmaci sintomatici capaci da dare sollievo.

Scroll